Cibi e proprietà

Panch phoron: una profumata miscela bengalese

Precedenti Successivi
Miscela di spezie
image description Cibi e proprietà

Viene aggiunta nell'olio caldo come primo ingrediente, per sprigionare i suoi profumi e sapori.

Panch phoron è composto da due parole: panch (cinque) e phoron (sapore). È un miscuglio di cinque spezie con sapori distinti (semi di fieno greco, semi di nigella (kalonji), semi di cumino, semi di senape nera e semi di finocchio), che dà un sapore unico e un gusto delizioso alle ricette.

È comunemente usato per fare diverse ricette in India e in Bangladesh. In India, è popolare nelle parti settentrionali e orientali dell’India, ma è ben ammirato nel Bengala dove non riescono a immaginare il cibo bengalese senza questa miscela.

I principali vantaggi di panch phoron

Ci sono molti benefici di questo insieme di spezie, tra cui:

  • la presenza del cumino aiuta a secernere il succo pancreatico, quindi buono nella digestione. Funziona anche come pre-pasto;
  • i semi di cumino sono perfetti per una pelle sana e luminosa;
  • i semi di fieno greco sono benefici per il latte materno e per tenere sotto controllo il diabete;
  • i semi di nigella hanno proprietà antiossidanti, antitumorali e antibatteriche;
  • i semi di finocchio riducono la pressione sanguigna e alleviano i disturbi intestinali.

Il panch phoron in cucina

Con il panch phoron si preparano gustose ricette. Le cinque spezie del Bengala sono scaldate in olio o burro chiarificato sulla padella. Quando iniziano a scoppiettare, bisogna mescolare gli altri ingredienti. Questo processo è noto come Baghaar in Oriya, Phoron in Bengala e Chaunk in Hindi. È il momento in cui l’aroma inizia a fuoriuscire dagli ingredienti.
A questo punto si aggiungono le verdure o altri ingredienti direttamente nella padella che frigge. È ottimo con uova, formaggio, insalate, salsicce, zuppe, paneer, agnello, maiale, pollo, lenticchie e pesce.

La ricetta

È meglio preparare il panch phoron a casa invece di acquistarlo dal negozio.
Ecco le dosi per farlo:

  • semi di nigella sativa (1 cucchiaio),
  • semi di fieno greco (1 cucchiaio),
  • semi di senape (1 cucchiaio),
  • semi di finocchio (1 cucchiaio),
  • semi di cumino (1 cucchiaio).

La miscela viene preparata e conservata in un barattolo per essere usata di volta in volta. Dopo aver preparato le cinque spezie bengalese, si consiglia di conservare in un contenitore di vetro ben chiuso, in un luogo asciutto, buio e fresco.

Più sapore ai tuoi piatti con le spezie

Continuate a seguire il blog di Bioimis per scoprire come dare sapore ai vostri piatti!